Carnia Classic Crostis Zoncolan

Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda president » martedì 7 agosto 2012, 21:29

http://www.turismofvg.it/Evento/88555/C ... s-Zoncolan
Noi ci saremo! :sisi:
Immagine

Immagine

La partenza avverrà da Tolmezzo alle ore 8.30

I primi 10 km sono pianeggianti, sarà l’unico tratto in cui si pedalerà in gruppo a ritmo sostenuto.

Dopo l’abitato di Cedarchis svoltando a destra inizierà il primo tratto di salita, circa 6,5 km, strada stretta con pendenze abbordabili.

In località Rosa dei venti inizia un tratto ondulato che passando accanto alla spettacolare cascata di Salino e attraversando caratteristici borghi, porta a Paularo.

Attraversato il ponte sul torrente Chiarsò è il momento di preparasi alla prima salita della giornata: il Duron.

Salita corta, ma ripida e senza tratti di recupero. I primi 400 metri sono davvero impegnativi con una rampa micidiale al 18%. In corrispondenza del cimitero, di colpo la strada si allarga e la pendenza cala, ma poi riprende a superare il 10% e sarà così quasi fino allo scollinamento.

Dopo un saliscendi inizia la veloce e tecnica discesa verso Paluzza, attraversando prima Ligosullo e poi Treppo Carnico.

Nel tratto in falsopiano si consiglia di rifocillarsi perchè dopo aver superato il torrente But a Cercivento inizia la seconda e non “facile” salita che ci porta a Sella Valcalda, non è di certo lunga, solo 6,5 Km, ma presenta almeno 2 Km oltre al 10% tutti esposti al sole e con soli 2 tornanti.

Ultimata questa seconda fatica, approfittate del ristoro, infatti la rapida discesa ci porta velocemente a Comeglians e qui mancano solo 5 Km all’inizio dello Zoncolan.

Arrivati ad Ovaro inizia la sfida fra se stessi e questa mitica salita, il vero avversario da battere.

E’ tra le salite, ciclisticamente parlando tra le più impegnativa dell’intera Europa. Si tratta di uno di quei mostri sacri che, negli anni, sono divenuti una specie di simbolo per quanto concerne le difficoltà da affrontare, che in questo caso riguardano soprattutto le pendenze.

La salita, in effetti, non è lunghissima, ma quello che la rende terribile è il dislivello che impone su una lunghezza limitata; i numeri non mentono: 10 Km per 1210 metri di dislivello complessivo, con pendenze massime del 22%.

Ma sono cifre aride. Solo dopo averlo scalato si può capire il significato della frase: “Ho fatto lo Zoncolan da Ovaro”.

I primi 2 km sono relativamente semplici, e la pendenza non supera il 12%. Arrivati a Liariis si gira a destra si percorrono 500 metri in piano e poi: “Benvenuti all’inferno”.

Iniziano i famigerati 6 km centrali dello Zoncolan; sono davvero implacabili e non offrono mai un momento di pausa. I tornanti sono quasi sempre ripidissimi e solo in due brevi tratti la pendenza cala al 8%.

Giunti al bivio per la Malga Pozzof si può finalmente respirare e vedere la velocità superare i 10 Km/h.

Una piccola discesa porta ad affrontare l’ultima rampa al 18% che si conclude all’imbocco della prima galleria. Usciti dalla terza e ultima galleria si entra nell’anfiteatro naturale dello Zoncolan, ma per guadagnare la vetta si devono superare ancora 4 ripidi tornanti.

In cima, a quota 1735, la fatica è finalmente conclusa.

La discesa successiva per i primi 3 km è impegnativa: CONSIGLIAMO DI MANTENERE UNA VELOCITA’ RIDOTTA SPECIALMENTE IN PROSSIMITA’ DI CURVE E TORNANTI.

Poi la strada diventa larga e la discesa diventa davvero entusiasmante.

Arrivati a Sutrio mancano ormai 16 Km all’arrivo su un percorso in parte ondulato tra gli abitati di Zuglio e Caneva di Tolmezzo.

Immagine
La partenza avverrà da Tolmezzo alle ore 8.30

I primi 15 km sono prevalentemente pianeggianti, poi due brevi salite ci porteranno ad Ampezzo. Siamo al 21° km ed ecco le montagne. La salita per la Sella di Razzo è splendida, varia nella pendenza e nell’ambiente. All’iniziale dolce ascesa tra i boschi di faggi e betulle segue un tratto sospeso sopra i profondi dirupi del torrente Lumiei, poi una lunga serie di gallerie in salita ci priveranno la vista di questo incredibile paesaggio. Rivedremo “la luce” al 10° km della salita proprio passando a fianco dell’imponente diga del lago di Sauris. Un chilometro di piano e poi si continua in salita con una pendenza che si avvicina al 10%, per attraversare in sequenza i paesi di Sauris di Sotto e Sauris di Sopra.

Passato quest’ultimo troveremo 4 km pianeggianti seguiti da altrettanti di salita in cui la pendenza si farà decisamente sentire. Un tratto al 15% e la vista panoramica delle Dolomiti vi faranno capire che la salita è finita.

Siamo in Cadore (provincia di Belluno) a quota 1805 slm. Seguiranno 26 km di discesa lungo la Val Pesarina fino a Comeglians ai piedi del Crostis.

E’ qui che inizia una salita epica e molto spettacolare. E’ l’ascesa più bella del Friuli e in durezza e’ superata solo dallo Zoncolan.

Presenta 14,5 Km di lunghezza, 1420 m di dislivello e una pendenza media del 9,8%, con punte del 20%.

La salita e’ divisa in tre tratti ben distinti.

Il primo inizia quando si supera il ponte sul rio Margò e offre degli scorci molto belli sul Canal di Gorto e la Val Pesarina con pendenze costanti intorno al 10%. Poco prima dell’abitato di Tualis inizia un tratto pedalabile, ma appena si esce dal paese per inoltrarsi nel folto bosco di abeti, le pendenze ritornano a incattivirsi.

Inizia a questo punto la seconda parte dell’ascesa, costantemente impegnativa su una carreggiata stretta dal fondo ruvido.

Gli unici momenti in cui è possibile “rifiatare” sono alcuni dei diciotto tornanti che separano lunghi rettilinei dalle pendenze comprese tra il 10 e il 14%. Fortunatamente l’ombra offerta dalla stupenda abetaia mitiga lo sforzo.

Intorno al 12° Km il bosco inizia a diradarsi e si intravedono i grandi prati che ricoprono la parte sommitale del massiccio del Crostis.

Inizia la terza parte.

E’ la più dura con pendenze che raggiungono punte del 18-20% ma che offre anche uno stupendo panorama, sempre che ci siano forze sufficienti anche per tenere la testa alta…

Questi 3 Km finali, che iniziano con 9 stretti e ripidi tornanti in veloce successione, ricordano quelli dello Zoncolan. Dopo l’ultimo tornante resta da affrontare il rettilineo finale che diviene via via meno impegnativo finché, dopo una curva cieca, non si scollina.

Sulla sommità il cronometraggio viene interrotto per essere poi riattivato dopo 17 km.

Si può quindi approfittare del ristoro a fianco della Casera Chiadinis.

La strada poi prosegue a mezza costa per circa 7 Km, di cui 5 Km su sterrato, e’ la “Panoramica delle vette”. La denominazione e’ quanto mai azzeccata.

Quando la strada torna asfaltata inizia la non velocissima discesa di circa 10 Km fino a Ravascletto.

Da questo punto si riattiverà il cronometraggio per percorrere gli ultimi 23 km di cui 7 di discesa veloce fino a Sutrio e i restanti pianeggianti fino a Tolmezzo.
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
 
Messaggi: 26495
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 2:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda dino » mercoledì 8 agosto 2012, 6:42

Domani sera (giovedì 9) vado a sentire gli ultimi aggiornamenti e vi informo sulle novità..... :quindi: :quindi:
dino
 
Messaggi: 3368
Iscritto il: domenica 5 aprile 2009, 7:51
Località: Pasian di Prato,confine ovest di Udine

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda diamante nero » mercoledì 8 agosto 2012, 7:10

Grande Dino :ok:
Avatar utente
diamante nero
 
Messaggi: 2377
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2008, 19:38

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda president » mercoledì 22 agosto 2012, 17:46

Sabato bel tempo sole a manetta ma domenica brutto anzi brutissimo :wall: se domenica annullano meglio rientrare subito prima della tempesta :quindi:
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
 
Messaggi: 26495
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 2:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda president » giovedì 23 agosto 2012, 6:35

meteo ersa:
Tendenza: Per sabato avremo ancora cielo sereno e caldo con la possibilità di qualche temporale serale sui monti. Domenica probabili temporali sparsi, anche forti, diminuzione della temperatura. Lunedì e martedì bel tempo con aria secca.
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
 
Messaggi: 26495
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 2:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda dino » giovedì 23 agosto 2012, 11:37

Speriamo che per domenica cambi idea.Voglio solo ricordare a tutti i partecipanti che sabato sarà piuttosto lunga la giornata e domenica si replica.Avremo a che fare con sicuramente 500 ciclisti di cui 50 agonisti che correranno per vincere,100 per piazzarsi ed il resto affannosamente ad inseguire per cui ci sarà un serpentone che si allungherà man mano all'aumentare delle difficoltà e dovremo cercare di garantire un minimo di sicurezza a tutti quanti.....
dino
 
Messaggi: 3368
Iscritto il: domenica 5 aprile 2009, 7:51
Località: Pasian di Prato,confine ovest di Udine

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda president » venerdì 24 agosto 2012, 7:19

A livello meteo :sabato a mio avviso siamo a rischio nel pomeriggio
Ma domenica :wall: :wall: a mio arviso l'annulleranno visto le previsioni pessime visto che siamo in piena montagna e in condizioni del genere tutto diventa più pericoloso :quindi:
Tendenza: Domenica avremo cielo da variabile a nuvoloso e temporali diffusi, anche forti. Possibili piogge localmente intense e raffiche di vento molto forte. Farà più fresco. Sulla costa soffierà prima Scirocco o Libeccio e poi Bora. Lunedì bel tempo e fresco.
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
 
Messaggi: 26495
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 2:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda dino » venerdì 24 agosto 2012, 7:28

Non credo che verrà annullata,hanno predisposto un percorso alternativo tagliando le salite più dure. Se fossi iscritto alla gara e la annullano alla partenza mi inc@zzerei come una iena. In Trentino qualche anno fa hanno modificato il percorso perchè la notte aveva nevicato ma la gara si è svolta lo stesso,ed io c'ero!
dino
 
Messaggi: 3368
Iscritto il: domenica 5 aprile 2009, 7:51
Località: Pasian di Prato,confine ovest di Udine

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda president » venerdì 24 agosto 2012, 17:31

Io credo che la sicurezza e l'incolumità delle persone vada in primo ordine. E' una gara amatoriale se non sbaglio :quindi:un conto è un gara pianura :quindi: ma in montagna può succedere di tutto frane, smottamenti, lampi ecc.. anni fa quando chiusero l'autostrada e la statale per frane e smottamenti io c'ero con il giro del Friuli mi è andata bene ho visto sassi di ogni misura venivano giù . Mi sembra che anche il nostro gruppo in una edizione è stato sbattuto a terra con le moto dalla tromba d'aria ..... meglio non fare i bulletti quando il tempo si inca@@a..... :sisi: :sisi: :sisi:
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
 
Messaggi: 26495
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 2:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Carnia Classic Crostis Zoncolan

Messaggioda diamante nero » sabato 25 agosto 2012, 0:11

Numero raggiunto. :sisi:
Domenica copriremo 2 manifestazioni per un totale di 21 motociclisti coinvolti :mucchio:
Ed ora dita incrociate per il meteo domenicale :occhiorbite:
Lassù non si scherza :devil:
La gara non è amatoriale ma una granfondo. :sisi:
Avatar utente
diamante nero
 
Messaggi: 2377
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2008, 19:38

Prossimo

Torna a MotoStaffetta Friulana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite