S Stefano. Grado

Le foto scattate ai vari ritrovi, i report dei nostri giri e delle nostre vacanze
Rispondi
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
Messaggi: 27028
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 1:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

S Stefano. Grado

Messaggio da president »

Non abbiamo peccati da spurgare a natale pranzato ottimamente con cibi curati non pesanti ma le cene e pranzi prima pre natalizie si.Dunque visto il bel tempo non resta che andare a Grado con Lady pepe e cognati . Partiamo alle 10 per dire la verità mi ero vestito troppo per camminare , partiamo dal inizio di grado l'isola del sole da dove escono le barche. Pepe molto euforico molti cani liberi che scorazzano o a guinzaglio ma lui non ha malizia quando si avvicina va per giocare e non abbaia ma spesso trova cani che gli fanno vedere la dentatura ne rimane male ... Giornata stupenda mare calmo assenza di vento abbiamo trovato delle mega cozze che non ho mai visto . Percorreremo tutta la diga con una sola mini sosta poi entriamo in centro passandolo e fermandoci per una pizza frugale . Caffè e si riparte ma vado verso Fossalon in val Cavanata spettacolo unico strapieno di fenicotteri rosa e altri vari uccelli migratori pieno di fotografi con obiettivi tipo tubo di scarico akrapovic . Poi rientrati casa per isola Morosini li ci sono sempre caprioli visti due gruppi che pascolavano . Visto un sacco di moto andavano al raduno a Vermegliano già mi rifarò....

Qui ci sono un paio di mini video sto facendo esperienza
https://youtu.be/EVTfakrB6Y4
https://youtu.be/Yt_FPDkLCLc
https://youtu.be/1WfDkgbb3mg
https://youtu.be/gRpxOr0L1qU
qui le foto partiamo con lato verso terra ferma e si vedono le montagne
Immagine
Immagine
IL MARE D'INVERNO SEMPRE BELLO TRA UN PO' PROVERO' QUELLO ASIATICO
Immagine
Già poche Honda ... :angel: mare calmo
Immagine
Immagine
Chi mi sa dire che razza di cozzone è questo grande come una scarpa
Immagine
ne ho travati due ma veramente nei miei ricordi mai visto cozzoni così
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Val cavanata come dicevo spettacolo bellissimo roba da Quark mancava Piero Angela
Immagine
Immagine
Troppo belli i fenicotteri rosa
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
ora momenti di pausa poi tra pochi giorni si ricomincia per ii festeggiamenti di fine anno :banana: :banana: :tromba: :tromba:
Mandi

Avatar utente
Nik63
Messaggi: 66
Iscritto il: 31 dicembre 2018, 18:50
Località: Pasian di Prato

Re: S Stefano. Grado

Messaggio da Nik63 »

Cavolo......la stessa giornata e gli stessi posti.......solo che io ero in moto :mrgreen:
.....di nuovo con l'elica.

Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
Messaggi: 27028
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 1:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: S Stefano. Grado

Messaggio da president »

Nik63 ha scritto:Cavolo......la stessa giornata e gli stessi posti.......solo che io ero in moto :mrgreen:
macchina ero in versione family nel caso specifico autista con esperienza di guida turistica :angel:

Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
Messaggi: 27028
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 1:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: S Stefano. Grado

Messaggio da president »

Risposta al riguardo delle due cozzone trovate sulla spiaggia:


bella giornata ! hai trovato sulla spiaggia i cozzoni come dici tu ...è la pinna nobilis...ti mando il sito di chiara vigo di Sant' Antioco in Sardegna che abbiamo avuto la fortuna di conoscere anni fa e ci ha regalato visitando il suo laboratorio il filo prezioso di questa pinna ! A presto

ecco il sito https://www.chiaravigo.it/pinna-nobilis.html
IL TESORO DELLA PINNA NOBILS

Nella laguna di Sant'Antioco proliferano a vista d’occhio le gnacchere o Pinne Nobilis sorta di incrocio tra cozze e ostriche alte fino a un metro e mezzo. Nel 1992 sono state dichiarate in via di estinzione. Oggi sono tutelate da una legge europea e una regionale: non solo chi le pesca con qualsiasi mezzo, ma anche chi ne possiede degli esemplari in spiaggia o in barca rischia una multa o l'arresto.



Il mollusco che le abita un tempo si mangiava fritto come una bistecca. Pesa fino a un chilogrammo e produce piccole perle colorate. Considerato il più grande bivalve del Mediterraneo, torna a farsi vedere in gran quantità nei nostri mari. Lo disturbano i movimenti di barche e yacht, l’acqua non salata al punto giusto, la temperatura troppo bassa o troppo alta e gli inquinanti che le industrie riversano in mare.



La Pinna Nobilis, madreperlacea dentro e ruvida fuori, nasconde una ghiandola setacea stimolata dal continuo movimento delle due valve. Di tanto in tanto sputa una bava formata di cheratina, come i capelli. La quale, però, a contatto con l’acqua, si solidifica e produce un bioccolo color marrone incrostato di conchigliette, alghe, piccoli coralli. In apparenza una sorta di radice: con essa la Pinna Nobilis si ancora al fondale. O piuttosto sembra una barba grezza e incolta, con la quale il mollusco si difende dai polpi. Ma una volta lavorata e sbiondata diventa bisso, splendente come oro, soffice e forte.
Immagine
Immagine

Rispondi