Domenica 22 lago - Dimon .....

Le strade non hanno piu' segreti!
Rispondi
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
Messaggi: 27330
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 1:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Domenica 22 lago - Dimon .....

Messaggio da president »

Lo sterrato si fa solo se tutti i componenti sono d'accordo


Che dite di questo giro alternativo ---- dopo Casltel Valdaier mi pare ci sia uno sterrato che arriva a un lago a quota 2000 che non conosco ma sentendo mi pare sia tranquillamente percorribile , non sono mago ma potrebbe essere rovinato dai temporali dei ultimi giorni in caso dietro front,mi pare strade abbastanza alternative :angel: :angel: :angel:
Immagine

qui c'è un bel report
https://forum.mototurismo.it/vb5/forum/ ... zia-giulia
[img]https://lh6.googleusercontent.com/-qB1z ... ermata.jpg[/im
Dal Castel Valdajer (quota 1340 m) si prende la strada asfaltata che ci conduce sino alla malga omonima.

Dalla casera con una mulattiera in parte lastricata (CAI 406) si attraversa un bosco e tra ontani e rododendri si raggiunge il bivio per le malghe Montute. Dalla mulattiera si passa ad agevole sentiero, arrivando alla Casera Culet, piccolo edificio aperto (quota 1544 m). Da qui il percorso cambia direzione seguendo il versante nord ovest del Monte Culet fino ad attraversare i pascoli abbandonati della Casera Dimon (ricovero sempre aperto).

Prendendo il sentiero di sinistra si sale sempre tra canali erbosi e ontani, rododendri e genziane di Koch e, dopo qualche tornante, passando a settentrione del rilievo si giunge alla panoramica forcella posta tra il monte Paularo e il monte Dimon (quota 1959 m) sopra l’omonimo lago. In corrispondenza della forcella sono evidenti gli affioramenti e relativi sfasciumi di arenarie fittamente stratificate di color rosso vinaccia appartenenti alla formazione conosciuta come “Arenarie della Val Gardena”.

Il suggestivo lago evidenzia l’effetto locale dell’esarazione glaciale würmiana (15000 anni fa l’area del Monte Dimon e quella del vicino Monte Paularo era ancora coperta da una calotta glaciale) e soprattutto la risposta del territorio alla fase del ritiro dei ghiacci e al nuovo condizionamento climatico.

Dalla forcella si può salire per alcune tracce lungo la cresta erbosa occidentale superando un breve canalino oppure scendere qualche metro e immettersi nella evidente mulattiera che taglia il versante meridionale.

In tal caso la si deve abbandonare dopo poco, seguendo una deviazione poco evidente a sinistra che risale il pendio. Si segue poi la linea di cresta fino a giungere alla panoramica vetta (2043 m).

Dall’ampio pianoro di vetta tra le pulsatille alpine, si scende in breve al sottostante sentiero principale CAI 404.

Avendo l’accortezza di trascurare il sentiero che scende verso casera Montute di Mezzo si tagliano a mezzacosta i pendii occidentali del monte Neddis, dov’è insediata una numerosa colonia di marmotte.
Si Prosegue lungo la bella dorsale prativa che scende verso la cima Val di Legnon con fioriture di specie tipiche dei pascoli montani. Attraverso qualche tratto più ripido si giunge alla stazione di arrivo di due skilift dove i segnavia sono difficili da individuare.
Comunque si piega a destra imboccando una mulattiera inerbita che dopo alcune svolte diventa, in basso, più evidente. Da qui in breve direttamente lungo la pista da sci o tramite la carraia a fianco si raggiunge il punto di partenza.


Da tripadvisor
Carino
"Bello il paesaggio ma piu che 1 lago oggi sembrava una enorme pozza d'acqua....salendo la strada da asfaltata diventa 1 bell'inghiaiato di circa 5 0 6 km e prima di arrivare in cima si incontra 1 altro laghetto personalmente piu bello di quello in vetta.
Merita la visita se si arriva con moto da enduro....a piedi da nemmeno un po"

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


INDICAZIONI PER CHI PARTECIPA
Ovviamente meteo favorevole , partire con pieno benzina , pranzo al sacco visto le strade strette non un giro veloce ma come sempre neanche lento , Impegnativo strade strette non conosco ultimo tratto fino al lago .... ovviamente se uno non se la sente aspetta nei pressi del castello Vald'aier .

Qui itinerario che faremohttps://www.google.it/maps/dir/Bar+Tire ... authuser=0

Ritrovo ore 9 bar Tirelli di sabato è chiuso allora di fronte
Partenza 9.30


Partecipanti

President
Grazia
Avatar utente
president
Impennatore Bulgaro
Messaggi: 27330
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 1:05
Località: san. osvaldo vicinanze manicomio UD

Re: Domenica 22 lago - Dimon .....

Messaggio da president »

Bel girone oggi super strade alternative fatto anche lo sterrato fino in Cima Brava Grazia Bikers doc ! stasera stanco domani faccio report :welcome:
Rispondi